Filtrazione glomerulare

Filtrazione glomerulare- il processo di filtrazione dal plasma sanguigno che fluisce attraverso i capillari del glomerulo nella cavità della capsula del glomerulo renale dell'acqua e delle sostanze disciolte nel plasma (ad eccezione dei composti molecolari grossolani). La filtrazione nei glomeruli viene effettuata attraverso i pori dell'endotelio, la membrana basale, gli spazi tra le cellule dell'epitelio della parete interna della capsula.

Molecole con una massa molecolare inferiore a 60mila dalton attraversano il filtro renale, con un peso molecolare di fino a 70mila dalton (emoglobina, albumina) da questo livello, 1-3% delle molecole passano attraverso i pori della membrana basale, il peso molecolare dell'ordine di 80mila dalton è il limite assoluto per il passaggio di molecole attraverso i pori della membrana.

La filtrazione glomerulare dipende da:

1. Pressione arteriosa idrostatica nei capillari glomerulari (70 mmHg).

2. Pressione oncotica delle proteine ​​plasmatiche (20 mmHg).

3. La pressione nella capsula di Shumlyansky, vale a dire da pressione intrarenale- (15 mm Hg).

La filtrazione glomerulare è causata dalla differenza tra la pressione idrostatica nei capillari e i valori della pressione oncotica e intrarenale.FD = DG - (OD + VD), dove PD è la pressione di filtrazione, HD è la pressione idrostatica, OD è la pressione oncotica del sangue, HP è la pressione intrarenale.

La pressione di filtrazione è 70 mm Hg. St. - (20 mm Hg. Art. + 15mm Hg. Art.) = 35 mm Hg. st..

In 1 minuto circa 1200 ml di sangue passano attraverso i reni. Questo forma 120 ml. filtrato (urina primaria), questa è la velocità di filtrazione glomerulare, normalmente è 11-125 ml / min. Durante il giorno formato 150-170 litri. urina primaria Il contenuto di sostanze inorganiche e organiche (ad eccezione delle proteine) nell'urina primaria è lo stesso del plasma sanguigno.

90. Funzione escretoria dei reni. Formazione dell'urina finale (secondaria)...

Caratteristiche generali della funzione escretoria renale.

1. Un numero di sostanze presenti nel plasma sanguigno sono normalmente assenti nell'urina secondaria. Queste sono sostanze chenormalmentepraticamente non attraversano la barriera renale e le sostanze che sono normalmente nei reni sono completamente riassorbite, queste sono, di norma, sostanze biologicamente preziose necessarie per il corpo / aminoacidi, glucosio /.

2. Altre sostanze si trovano nell'urina secondaria a concentrazioni significativamente superiori a quelle nel plasma sanguigno. Questi sono, prima di tutto, prodotti metabolici di proteine ​​/ urea 65 volte di più, acido urico - più di 12 volte /. Questo mostra la funzione di concentrazione dei reni.

Filtrazione glomerulare

Già nel 1844, K. Ludwig, sulla base delle sue ricerche, riteneva che il processo di minzione consistesse in una filtrazione che avviene attraverso la parete dei capillari glomerulari e il riassorbimento, cioè l'aspirazione inversa che si verifica nei tubuli. Questa ipotesi è stata sviluppata A.Keshni. teoria di filtrazione-riassorbimento formulata della formazione di urina, che ha formato la base di concetti moderni ed è stata confermata da un gran numero di esperimenti.

Secondo la teoria moderna, l'acqua e tutte le sostanze disciolte nel plasma, ad eccezione dei composti su larga scala, vengono filtrate nella cavità della capsula di Shumlyansky-Bowman dal plasma sanguigno che fluisce attraverso i capillari del glomerulo. La filtrazione nei glomeruli viene effettuata attraverso i pori dell'endotelio, la membrana basilare e gli spazi tra le cellule dell'epitelio della parete interna della capsula. Questo filtro passa molecole con un diametro di circa 100 A. Le particelle più grandi, aventi un peso molecolare maggiore di 70.000, non passano attraverso il filtro.

Pertanto, le proteine ​​macromolecolari, come le globuline (il cui peso molecolare è maggiore di 160.000) o la caseina (peso molecolare superiore a 100.000), non entrano nel filtrato. Alcune proteine ​​estranee il cui peso molecolare è relativamente piccolo (albume, gelatina, ecc.) Passano attraverso il filtro renale e sono escrete nelle urine. L'albumina plasmatica, il cui peso molecolare è di circa 70.000, viene trasferita al filtrato in tracce (meno di 1/100 del loro contenuto nel plasma). Nel caso dell'emolisi intravascolare, cioè della scomposizione dei globuli rossi e del rilascio di molecole di emoglobina nel plasma (peso molecolare 68000), solo il 5% di esso entra nel filtrato. Sali inorganici e composti organici a basso peso molecolare (urea, acido urico, glucosio, amminoacidi, ecc.) Passano liberamente attraverso il filtro glomerulare ed entrano nella cavità della capsula di Shumlyansky-Bowman.

Prova diretta di ciò sono gli esperimenti microfisiologici di A. N. Richards, eseguiti prima su rane e poi su mammiferi - porcellini d'India e ratti. In un animale in un esperimento acuto, un rene è stato esposto e in una delle sue capsule, adiacente alla superficie e accessibile all'osservazione sotto un piccolo ingrandimento del microscopio, è stata inserita una micropipetta più sottile (figura 102). Il tubulo di questa capsula viene schiacciato per impedire la fuoriuscita del fluido. In questo modo, è stato possibile raccogliere una quantità sufficientemente grande di filtrato attraverso una micropipetta e indagare sulla composizione. Di conseguenza, si è scoperto che il contenuto di sostanze inorganiche e organiche (tranne le proteine) nel filtrato glomerulare, altrimenti è chiamato l'urina primaria, esattamente la stessa del plasma sanguigno.

Fig. 102. Schema del metodo per ottenere il filtrato glomerulare (urina primaria) con una micropipetta (secondo L.N. Richards). 1 - vasi sanguigni; 2 - micropipetta; 3 - tubulo; 4 - tubo di vetro, bloccando il flusso di urina dalla capsula.

La quantità di urina primaria generata è molto grande e raggiunge 150-170 giorni al giorno: una tale quantità di filtrazione è possibile a causa del ricco apporto di sangue ai reni, della struttura speciale e della grande superficie di filtrazione dei capillari glomerulari e della pressione del sangue relativamente alta in essi. Illustriamo questo con i seguenti dati. Durante il giorno, 1700 litri di sangue scorrono attraverso i reni e, quindi, si formano circa 1 litro di filtrato ogni 6-10 litri di sangue che passa attraverso i capillari dei glomeruli. La superficie totale delle pareti capillari glomerulari, attraverso le quali avviene la filtrazione, è di circa 1,5-2 m2, cioè è uguale alla superficie del corpo. La pressione sanguigna nei capillari del glomerulo è di circa 70 mm Hg. Art. Una pressione del sangue relativamente elevata è dovuta al fatto che le arterie renali partono direttamente dall'aorta addominale e il percorso che conduce da esse ai glomeruli è relativamente breve.

La pressione relativamente elevata nei capillari del glomerulo e la filtrazione delle urine è anche promossa dal fatto che il diametro dell'arteria deviante è circa il doppio di quello dell'arteria additiva.

Il ruolo del livello di pressione sanguigna nella minzione è mostrato nella seridina del secolo scorso nel laboratorio di K. Ludwig. Qui si è scoperto che se la pressione arteriosa di un cane si abbassa con il sanguinamento, l'escrezione dell'urina che fluisce da una cannula inserita nell'uretere inciso diminuisce o si arresta completamente. Tuttavia, la filtrazione glomerulare dipende non solo dalla quantità di pressione sanguigna nei glomeruli, ma anche dalla pressione oncotica del plasma sanguigno, che trattiene il fluido nel flusso sanguigno e dalla pressione idraulica del filtrato, che riempie la capsula e i tubuli. La pressione sanguigna nei capillari glomerulari è la forza filtrante e la pressione oncotica e la pressione urinaria nella capsula sono le forze che si oppongono alla filtrazione. Per questo motivo, la filtrazione glomerulare ha solo se la pressione sanguigna nei capillari glomerulari è superiore alla pressione totale di queste due forze opposte.

La pressione oncotica del plasma sanguigno è di circa 30 mm e la pressione del filtrato che riempie la capsula e i tubuli è di circa 20 mm Hg. Art. Pertanto, la pressione che fornisce la filtrazione glomerulare è, in media, 70 mm- (30 + 20 mm) - 20 mm Hg. Art.

Dai dati di cui sopra è chiaro il motivo per cui negli esperimenti di Ludwig, la minzione si è interrotta quando la pressione arteriosa nell'arteria renale è scesa sotto il livello che ha fornito la necessaria pressione di filtrazione.

I risultati degli esperimenti di A. O. Ustimovich, che ha dimostrato che la minzione si arresta quando aumenta artificialmente la pressione intrarenale a 30-40 mm Hg, sono comprensibili. Art.

Determinazione del valore di filtrazione del fluido nei glomeruli

Come dimostrato da G.Smith, la quantità di filtrato glomerulare può essere determinata nell'uomo introducendo nel sangue una sostanza liberamente filtrata attraverso le pareti dei capillari glomerulari e, senza subire ulteriori cambiamenti mentre passa attraverso i canalicoli, viene escreta nelle urine. In questo caso, il contenuto di una sostanza che è entrata nelle urine è uguale al suo contenuto nel filtrato glomerulare.

Tale sostanza è il fruttosio polisaccaride - inulina (peso molecolare circa 5000). La libera transizione dall'inulina al filtrato è stata dimostrata da Richards in esperimenti con la micro-funzione dei glomeruli. Usando questa tecnica, è stato trovato che nel filtrato contenuto nella cavità della capsula, la concentrazione di inulina è uguale alla concentrazione di plasma sanguigno.

Se si conosce la concentrazione di inulina nel plasma sanguigno, che è uguale alla sua concentrazione nel filtrato glomerulare (lo denotiamo con Pin), la quantità di urina (V) assegnata durante l'esame e la concentrazione di inulina in esso (U.in), è possibile calcolare facilmente il volume del filtrato (F). Poiché la quantità di inulina nelle urine (V · Uin), pari alla quantità di inulina trasferita al filtrato (F · Pin), quindi dall'equazione risultante: F · Pin = V · Uin troviamo che F = V · Uin/ Pin

Dopo aver determinato la quantità di filtri nel tempo, è possibile calcolare la quantità di filtri in 1 minuto. Normalmente, in entrambi i reni, è pari a 120 ml per 1 minuto.

Il valore ottenuto del volume di filtrazione in 1 minuto indica quanta parte del plasma sanguigno viene rilasciata dall'inulina durante questo periodo. Questo valore è chiamato coefficiente di purificazione dell'inulina.

Il coefficiente di purificazione e alcune altre sostanze possono essere determinati. Il coefficiente di purificazione di quelle sostanze che entrano nel filtrato glomerulare, ma poi viene risucchiato nei tubuli, inferiore al coefficiente di purificazione dell'inulina, che non viene assorbito indietro. Il coefficiente di purificazione da quelle sostanze che, oltre alla filtrazione nei glomeruli, sono ulteriormente valutate dall'epitelio dei tubuli, sarà maggiore del coefficiente di purificazione dell'inulina; di conseguenza, i reni possono rilasciare più sangue da una data sostanza per unità di tempo.

La determinazione del tasso di purificazione viene utilizzata per valutare la funzione renale nella pratica clinica.

Flusso normale attraverso il filtro renale

La filtrazione glomerulare è una delle principali caratteristiche dell'attività renale. La funzione di filtrazione renale aiuta i medici nella diagnosi delle malattie. La velocità di filtrazione glomerulare indica se i glomeruli glomerulari sono danneggiati e l'entità del loro danno, ne determina la funzionalità. Nella pratica medica, ci sono molti metodi per determinare questo indicatore. Vediamo qual è la loro essenza e quale di loro è la più efficace.

Cos'è?

In uno stato di salute, la struttura del rene ha 1-1,2 milioni di nefroni (componenti del tessuto renale), che si legano al flusso sanguigno attraverso i vasi sanguigni. Nel nefrone, c'è un accumulo glomerulare di capillari e tubuli che sono direttamente coinvolti nella formazione di urina - purificano il sangue dei prodotti metabolici e correggono la sua composizione, cioè l'urina primaria viene filtrata in essi. Questo processo è chiamato filtrazione glomerulare (CF). 100-120 litri di sangue vengono filtrati al giorno.

Schema della filtrazione glomerulare dei reni.

Per valutare la funzionalità renale, viene spesso utilizzato il valore della velocità di filtrazione glomerulare (GFR). Caratterizza la quantità di urina primaria prodotta per unità di tempo. La velocità di filtrazione è compresa tra 80 e 125 ml / min (donne fino a 110 ml / min, uomini fino a 125 ml / min). Nelle persone anziane, il tasso è più basso. Se la GFR si trova sotto i 60 ml / min in un adulto, questo è il primo segnale del corpo sull'insorgenza dell'insufficienza renale cronica.

Torna al sommario

Fattori che modificano il tasso di filtrazione glomerulare dei reni

La velocità di filtrazione glomerulare è determinata da diversi fattori:

Il tasso di flusso plasmatico nel rene è la quantità di sangue che scorre per unità di tempo attraverso l'arteriola nel glomerulo. Un indicatore normale, se una persona è sana, è 600 ml / min (il calcolo viene effettuato sulla base di dati su una persona media di 70 kg). Il livello di pressione nelle navi. Normalmente, quando il corpo è sano, la pressione nella nave portante è più alta che nella nave portante. In caso contrario, il processo di filtraggio non si verifica.Il numero di nefroni utilizzabili. Ci sono patologie che influenzano la struttura cellulare del rene, a causa della quale il numero di nefroni capaci è ridotto. Tale violazione nel futuro provoca una riduzione dell'area della superficie di filtrazione, la cui dimensione dipende direttamente dall'SCF.

Il test di Reberga-Tareev

L'affidabilità del campione dipende dal momento in cui è stata raccolta l'analisi.

Un campione di Reberg-Tareev esamina il livello di clearance della creatinina prodotta dal corpo - il volume di sangue da cui è possibile filtrare 1 mg di creatinina dai reni per 1 minuto. Misurare la quantità di creatinina può essere nel plasma coagulato e nelle urine. L'affidabilità dello studio dipende dal momento in cui è stata raccolta l'analisi. La ricerca è spesso condotta come segue: l'urina viene raccolta 2 ore. Misura il livello di creatinina e la minzione diuresi (la quantità di urina prodotta al minuto). Il GFR è calcolato in base ai valori ottenuti da questi due indicatori. Metodo meno utilizzato di raccolta delle urine al giorno e campioni di 6 ore. Indipendentemente dal metodo usato dal medico, il paziente prende il sutra, prima di fare colazione, prende il sangue da una vena per condurre uno studio sulla clearance della creatinina.

Il campione per la clearance della creatinina è assegnato in questi casi:

Sensazioni dolorose nei reni, gonfiore delle palpebre e delle caviglie, ridotta emissione di urina, urine scure, sangue, è necessario stabilire la dose corretta di farmaci per il trattamento della malattia renale, diabete di tipo 1 e tipo 2, ipertensione, obesità addominale, sindrome da insulino-resistenza, abuso di fumo, malattie cardiovascolari, prima dell'intervento chirurgico, malattia renale cronica, ritorno al sommario

Cockroft Gold test

Il test Cockroft-Gold stabilisce anche la concentrazione di creatinina nel siero, ma differisce dal metodo sopra descritto dei materiali di campionamento per l'analisi. Il test viene eseguito come segue: sutra a stomaco vuoto, il paziente beve 1.5-2 tazze di liquido (acqua, tè) per attivare la produzione di urina. Dopo 15 minuti, il paziente elimina la necessità di un gabinetto per liberare la vescica dai resti delle formazioni durante il sonno. Quindi metti la pace. Un'ora dopo, la prima urina viene raccolta e viene registrato il suo tempo. La seconda parte viene raccolta nell'ora successiva. Tra questo, il paziente prende il sangue da una vena 6-8 ml. Inoltre, i risultati ottenuti determinano la clearance della creatinina e la quantità di urina che si forma al minuto.

Torna al sommario

Velocità di filtrazione glomerulare secondo la formula MDRD

Questa formula tiene conto del sesso e dell'età del paziente, quindi con il suo aiuto è molto semplice osservare come i reni cambiano con l'età. Viene spesso usato per diagnosticare disturbi dei reni nelle donne in gravidanza. La formula stessa è la seguente: GFR = 11,33 * Crk - 1,154 * età - 0,203 * K, dove Crk è la quantità di creatinina nel sangue (mmol / l), K è un coefficiente dipendente dal sesso (per le donne, 0,742). Nel caso in cui questo indicatore nella conclusione dell'analisi sia presentato in micromoli (μmol / l), il suo valore deve essere diviso per 1000. Lo svantaggio principale di questo metodo di calcolo è un risultato errato con un aumento di CF.

Torna al sommario

Le ragioni del declino e dell'indicatore di aumento

Ci sono cause fisiologiche di cambiamenti nel GFR. Durante la gravidanza, il livello aumenta e quando il corpo invecchia, si abbassa. Provoca anche un aumento della velocità del cibo capace di un alto contenuto proteico. Se una persona ha una patologia delle funzioni renali, allora la CF può sia aumentare che diminuire, tutto dipende dalla specifica malattia. Il GFR è il primo indicatore di funzionalità renale compromessa. L'intensità della CF diminuisce molto più rapidamente rispetto alla capacità dei reni di concentrare l'urina e le scorie azotate si accumulano nel sangue.

Quando i reni sono malati, una ridotta filtrazione del sangue nei reni provoca disturbi nella struttura dell'organo: il numero di unità strutturali attive del rene diminuisce, il coefficiente di ultrafiltrazione cambia, si verificano cambiamenti nel flusso sanguigno renale, la superficie filtrante diminuisce e si verifica l'ostruzione del tubulo renale. È causata da malattie renali croniche diffuse, sistemiche, nefrosclerosi sullo sfondo di ipertensione arteriosa, insufficienza epatica acuta, grave grado di malattie cardiache e epatiche. Oltre alla malattia renale, i fattori extrarenali influenzano la GFR. Una diminuzione della velocità è osservata insieme a insufficienza cardiaca e vascolare, dopo un attacco di diarrea grave e vomito, con ipotiroidismo, malattie del cancro alla prostata.

L'aumento della GFR è più raro, ma si manifesta nel diabete mellito nelle sue fasi iniziali, ipertensione, sviluppo sistemico del lupus eritematoso, nello sviluppo precoce della sindrome nefrosica. I farmaci che influenzano i livelli di creatinina (cefalosporine ed effetti simili sul corpo) possono anche aumentare il tasso di CF. Il farmaco aumenta la sua concentrazione nel sangue, quindi quando l'analisi ha rivelato risultati falsi elevati.

Torna al sommario

Carica test

Il carico di proteine ​​è l'uso della quantità di carne richiesta.

La base delle prove di stress è la capacità dei reni di accelerare la filtrazione glomerulare sotto l'influenza di alcune sostanze. Con l'aiuto di questo studio è determinato dalla riserva di CF o riserva funzionale renale (PFR). Per impararlo, applica un carico (una volta) acuto di proteine ​​o amminoacidi, oppure viene sostituito da una piccola quantità di dopamina.

Caricare le proteine ​​è cambiare la dieta. È necessario utilizzare 70-90 grammi di proteine ​​dalla carne (1,5 grammi di proteine ​​per 1 kg di peso corporeo), 100 grammi di proteine ​​derivate dalla pianta o inserire l'amminoacido set per via endovenosa. Nelle persone senza problemi di salute, c'è un aumento del GFR del 20-65% già 1-2,5 ore dopo aver ricevuto una dose di proteine. Il valore medio della FIU è di 20-35 ml al minuto. Se l'aumento non si verifica, quindi, molto probabilmente, la permeabilità del filtro renale è compromessa in una persona o si sviluppano patologie vascolari.

Torna al sommario

Importanza della ricerca

È importante monitorare la GFR per le persone con queste malattie:

decorso cronico e acuto della glomerulonefrite, così come il suo aspetto secondario, insufficienza renale, infiammazione causata da batteri, danno renale dovuto a lupus eritematoso sistemico, sindrome nefrosica, glomerulosclerosi, amiloidosi renale, nefropatia nel diabete, ecc.

Queste malattie causano una diminuzione del GFR molto prima della manifestazione di qualsiasi disturbo funzionale dei reni, un aumento del livello di creatinina e di urea nel sangue del paziente. In uno stato di abbandono, le malattie provocano la necessità di un trapianto di rene. Pertanto, al fine di prevenire lo sviluppo di eventuali patologie dei reni, è necessario condurre regolarmente uno studio sulla loro condizione.

Salute e stile di vita sano

Il sito è dedicato alla salute e uno stile di vita sano senza droghe

Velocità di filtrazione glomerulare

Le capacità funzionali dei reni si riflettono nello stato di tutto il corpo umano. La pulizia del sangue viene effettuata nel rene dai nefroni. La filtrazione glomerulare dei reni ha un importante valore diagnostico e la sua velocità deve essere mantenuta a un livello costante. Le deviazioni dell'indicatore indicano la presenza di processi patologici nel corpo.

I reni sono l'organo principale del sistema escretore umano. Lo stato generale di salute dipende dalle loro capacità funzionali. Attraverso di loro, il sangue viene pulito dalle tossine.

Il processo di pulizia viene eseguito nell'apparato glomerulare. Consiste di un numero enorme di nefroni, costituiti da glomeruli vascolari e tubuli trasmissivi. Come risultato del passaggio attraverso i Nefroni, il sangue viene purificato dalle tossine e trasmesso.

È importante! In una condizione umana sana, il tasso di filtrazione glomerulare dei reni ha un certo valore, che dipende dall'età e dal sesso e viene mantenuto a un livello costante.

La velocità di filtrazione glomerulare mostra quanto sangue può eliminare i reni in 1 minuto. La deviazione dall'indicatore indica lo sviluppo della patologia del sistema urinario.

La velocità della capacità di filtrazione è influenzata dai seguenti fattori:

  1. Il numero di nefroni coinvolti nel processo di purificazione del sangue. Con le patologie renali, i nefroni muoiono e non vengono più ripristinati. Con un numero ridotto di nefroni, i reni non affrontano le loro funzioni, il che porta alla morte di altri nefroni.
  2. Volume del sangue che scorre attraverso i reni. Il valore normale è 600 ml / min. Il superamento del volume aumenta il carico.
  3. Il livello di pressione vascolare. Quando cambia, ci sono difficoltà nel filtraggio e la sua velocità diminuisce.

La velocità glomerulare può essere calcolata in diversi modi. A tale scopo vengono utilizzate formule speciali, con l'ausilio del quale è possibile effettuare calcoli sia manualmente su una calcolatrice che su un computer.

La clearance della creatinina è un importante indicatore della funzione renale. Secondo il metodo Cockroft-Gold, una persona ha bisogno di urinare al mattino e bere un bicchiere d'acqua. Dopo questo, inizia la raccolta oraria dei campioni di urina, con l'ora di inizio e fine della minzione. Allo stesso tempo, viene eseguito un esame del sangue per confrontare il livello di creatinina nelle urine e nel siero.

Il calcolo viene eseguito secondo la formula: F1 = (u1 / p) v1, dove:

  • F1 - velocità di filtrazione glomerulare;
  • u1 - la quantità di creatinina nelle urine;
  • p è la quantità di creatinina nel sangue;
  • v1 - la durata della prima minzione in minuti.

La seconda formula è anche usata:

GFR = ((140 - età, anni) * (peso, kg)) / (72 * misura della creatinina nel sangue)

Interessante da sapere! Nelle donne, l'indicatore è inferiore e moltiplicato per 0,85.

La velocità del lavoro glomerulare dei reni è calcolata secondo la formula di Schwarz: SCF = k * altezza / Scr, dove:

  • K - rapporto di età,
  • SCr: la quantità di creatinina nel sangue.

È importante! Solo uno specialista esperto può valutare correttamente lo stato di salute dei reni secondo i metodi di calcolo. L'applicazione indipendente del calcolo può dare risultati errati e aggravare la condizione.

Il GFR dipende da diversi fattori. I più importanti sono l'età e il sesso della persona.

Filtrazione glomerulare: che cos'è, il tasso di velocità e la formula per il calcolo

Nel trattamento di molte malattie, questo indicatore è uno dei più importanti, utilizzato per monitorare l'efficacia della terapia.

Il nefrone è la più piccola unità funzionale dei reni. È anche chiamato l'unità strutturale di questo corpo. Svolge un ruolo importante nella purificazione del sangue naturale. In entrambi i reni ci sono più di 2 milioni di unità funzionali. Sono tessuti in gruppi separati, formando così i glomeruli. Sono loro che rappresentano l'apparato glomerulare dell'organo. Qui, i processi di purificazione del tessuto liquido del corpo - filtrazione glomerulare (renale) - hanno luogo.

Purificazione del sangue nel rene attraverso un filtro glomerulare attraverso una cascata di processi biologici e fisico-chimici.

La pulizia naturale del corpo del suo tessuto liquido è un processo ben studiato. Pertanto, non è difficile spiegare come questo è implementato.

Il sangue, arricchito con ossigeno e altri metaboliti, penetra nel rene, più precisamente, nel suo apparato glomerulare. I nefroni hanno nella loro struttura una specie di filtro. Grazie a lui, avviene il naturale processo di separazione delle tossine e dei prodotti di decomposizione dall'acqua.

Separato dai prodotti tossici del metabolismo, l'acqua torna nel flusso sanguigno. Questo è chiamato riassorbimento. Insieme al liquido vengono assorbiti e tutti gli elementi traccia necessari che si dissolvono in esso. Questi includono, per esempio, sodio, glucosio, potassio. Dopo aver attraversato il filtro, le sostanze tossiche si muovono attraverso i tubuli verso le piramidi renali. Da lì, i metaboliti entrano nel sistema a coppa e nel bacino. Formano la cosiddetta "urina secondaria". È lei che viene espulsa dal corpo durante la minzione.

Considerando le caratteristiche fisiologiche dei nefroni - non sono in grado di recuperare, così come il tessuto nervoso - è necessario effettuare un trattamento tempestivo e adeguato delle malattie degli organi del sistema urinario.

Nel corpo c'è una "riserva" di nefroni, che si innesca quando muore un certo numero di loro. Ma questa "riserva" non è eterna ed è anche esaurita.

Il processo di purificazione del sangue nei glomeruli si riduce alle seguenti fasi:

  1. Il tessuto liquido arricchito con sostanze va ai reni;
  2. Viene filtrato attraverso un sistema di filtri glomerulari;
  3. Le sostanze benefiche per il corpo indugiano e poi circolano in esso;
  4. Metaboliti nocivi filtrati entrano nel tratto urinario;
  5. L'urina secondaria viene escreta.

La clearance glomerulare normalmente avviene inosservata dagli esseri umani e non influisce sulla loro salute.

È contemporaneamente influenzato da diversi fattori, uno dei quali è la pressione di filtrazione, che si forma a causa della pressione idrostatica del tessuto liquido umano nei vasi sanguigni di piccolo calibro - capillari. Dalla sua grandezza dipende dall'avanzamento del fluido nel rene dai capillari sanguigni.

La pressione dell'urina primaria e del plasma oncotico interferiscono con la clearance glomerulare.

Ma non solo questo criterio dipende dal tasso di pulizia renale. Un ruolo significativo nella sua regolazione naturale è giocato da:

  • La quantità di plasma che passa attraverso la corteccia per 1 minuto;
  • Il volume della superficie di filtrazione dei capillari dei glomeruli (la quantità normale è di circa il 3%).

Normalmente, questo criterio è 80-120 ml per 1 minuto. Con l'età, diminuisce.

È possibile parlare con sicurezza della violazione della filtrazione quando la sua velocità scende al di sotto di 60 ml al minuto.

In medicina, per determinare il livello di purificazione del sangue utilizzando due metodi: determinare la clearance della creatinina o misurare direttamente il tasso di filtrazione renale.

La creatinina è il prodotto finale del metabolismo delle proteine. Il suo contenuto normale negli uomini è 60-115 micromoli per litro, e nelle donne - 50-100. Nei bambini, il livello di questo metabolita è circa 2-3 volte inferiore rispetto agli adulti. In caso di superamento delle norme consentite del suo contenuto, possiamo giudicare con sicurezza la violazione della funzione di filtrazione.

Ma in pratica, la definizione del tasso di clearance renale fisiologica secondo la formula Cockroft-Gold o secondo la formula MDRD è molto diffusa.

  1. Il primo è: (140 più l'età del paziente in anni) x peso del paziente in chilogrammi / (livello di creatinina in mlm x 814).
  2. Il secondo è il seguente: 11,33 x il livello di creatinina nel sangue di syvorke, misurato in mlml per litro - 1.154 x (età del paziente) - 0,203 x 0,742.

Tuttavia, MDRD non può essere applicato a valori elevati delle prestazioni del filtro glomerulare. Pertanto, il più pratico nell'applicazione della formula Cockroft-Gold.

I parametri di purificazione del sangue possono variare se una persona ha determinate malattie. E non tutti riguarderanno solo i reni, quindi parleranno dell'interruzione dell'organo a causa di una lesione secondaria.

Queste malattie includono:

  • Insufficienza renale cronica. Poi nelle urine verrà rilevato il livello sospeso di urea e creatinina. Questo suggerisce che la funzione del filtro naturale del corpo è rotta.
  • Pielonefrite. La malattia appartiene al gruppo di malattie infettive tossiche. In primo luogo, colpisce i tubuli renali. E solo dopo - le violazioni di filtrazione di urina sono annotate.
  • Il diabete mellito.
  • Ipertensione.
  • Lupus eritematoso rosso sistemico.
  • Convulsioni antipertensivi o malattia (bassa pressione sanguigna)
  • Stato di shock
  • Grave insufficienza cardiaca

Calcolo della velocità di filtrazione glomerulare - calcolatrice online e formula Cockroft

Il nefrone è un'unità strutturale del rene, che consiste nei globuli renali e nei tubuli renali. Nel corpo renale, il sangue viene filtrato e, con l'aiuto dei tubuli, avviene il riassorbimento (riassorbimento). Il sangue passa attraverso questo sistema ogni giorno molte volte, come risultato dei processi descritti sopra, si forma l'urina primaria.

In futuro, passa attraverso diverse fasi di purificazione, essendo separato in acqua, che viene restituito al sangue, e prodotti metabolici, che vengono espulsi con l'urina nell'ambiente.

In definitiva, su 120 litri di ultrafiltrato glomerulare, che passa giornalmente attraverso i nefroni, forma circa 1-2 litri di urina secondaria. Se il sistema escretore è sano, la formazione dell'urina primaria e la sua filtrazione passano senza complicazioni.

In caso di malattia nefroni sicuro più veloce rispetto al tempo di formare nuovi, quindi, peggio del rene fare la loro funzione di pulizia. Al fine di valutare se questa cifra è diverso dal normale analisi utilizzo della velocità di filtrazione glomerulare, o assaggiare Rehberg - Tareeva.

È uno dei principali metodi diagnostici, che consente di valutare la capacità di filtrazione del rene. Con esso, è possibile calcolare il volume dell'ultrafiltrato glomerulare, che si forma per una certa unità di tempo.

I risultati di questa analisi sono combinati con un indicatore del tasso di purificazione del siero del sangue dal prodotto di degradazione della proteina - creatinina, e si ottiene una valutazione della capacità di filtrazione dei reni.

La velocità di filtrazione glomerulare dipende da tali fattori:

  • la quantità di plasma che penetra nei reni. Normalmente, questo è 600 ml al minuto in un adulto;
  • pressione alla quale si verifica la filtrazione;
  • l'area della superficie filtrata.

L'analisi del campione di Reberga-Tareev viene utilizzata in caso di sospetto di varie patologie del sistema escretore. Se questa cifra è inferiore alla norma, significa la massiccia morte di Nefroni. Questo processo può parlare di insufficienza renale acuta e cronica.

Poiché il GFR può diminuire non solo con danni alle unità strutturali del rene, ma anche con fattori esterni, questo fenomeno si osserva anche con ipotensione, insufficienza cardiaca congestizia, vomito prolungato e diarrea, ipotiroidismo, diabete insipido e ostruzione del deflusso delle urine a causa di un tumore o infiammazione nel tratto urinario.

Aumento della GFR nei pazienti con nefrite cronica acuta e cronica idiopatica, diabete mellito, ipertensione e alcune malattie autoimmuni.

Normalmente, i valori di GFR sono costanti nell'intervallo 80-120 ml / min., E solo con l'età, questa cifra può essere ridotta per cause naturali. Se questi numeri sono ridotti a 60 ml / min, questo indica insufficienza renale.

In medicina, il più delle volte si usa il valore associato alla clearance della creatinina - questo metodo è considerato il più semplice e conveniente per la diagnosi medica. Poiché viene escreto attraverso i glomeruli solo dell'85-90% e il resto avviene attraverso i tubuli prossimali, i calcoli vengono eseguiti con l'indicazione dell'errore.

Più basso è il suo valore, maggiore è il tasso GFR, rispettivamente. Misurare un indicatore diretto correlato al tasso di filtrazione dell'insulina è troppo costoso per la diagnostica medica ed è principalmente utilizzato a fini scientifici.

Per analisi usando sangue e urina del paziente. È particolarmente importante prendere l'urina rigorosamente nel periodo di tempo assegnato. Oggi ci sono 2 opzioni per la raccolta di materiale:

  1. Vengono raccolte due porzioni orarie di urina, ciascun campione viene esaminato per la diuresi minuziosa e la concentrazione del prodotto finale di scomposizione proteica. Di conseguenza, si ottengono due valori GFR.
  2. Quantità giornaliera meno frequente di urina, che determina la clearance media della creatinina.

Suggerimento: La situazione con il sangue è più semplice - in essa la concentrazione di creatinina rimane invariata per un lungo periodo, quindi questo test è preso in modo standardizzato - al mattino a stomaco vuoto.

dove Vn è il volume di urina per un determinato periodo di tempo, Cp è la concentrazione di creatinina nel siero del sangue, T è il tempo durante il quale l'urina viene raccolta in pochi minuti.

Il risultato di questa formula di calcolo è instinnym uomini adulti, le donne hanno ricevuto risultato deve essere moltiplicato per koefitsient 0, 85.

Anche per le donne in questo caso è necessario applicare un coefficiente di 0,9.

È possibile utilizzare uno dei calcolatori online per aiutare a calcolare la clearance della creatinina. Uno di questi può essere trovato su questo link.

Poiché la GFR dipende dalla velocità di purificazione del plasma sanguigno dalla creatinina, viene calcolata anche manualmente utilizzando la formula:

(Concentrazione di creatinina nel volume di urina x urine per un certo tempo) / (concentrazione di creatinina nel plasma sanguigno di raccolta delle urine x tempo in minuti)

Trattiamo il fegato

Trattamento, sintomi, droghe

Flusso normale attraverso il filtro renale

L'ultrafiltrazione del plasma con la formazione di urina primaria viene effettuata nei glomeruli dei reni.
La membrana di filtrazione glomerulare consiste di tre strati: l'endotelio capillare, la membrana basale e le cellule epiteliali all'interno della capsula, che sono chiamate podociti. I podociti hanno processi densamente a riposo contro la membrana basale. La struttura della membrana basale è complessa, in particolare contiene mucopolisaccaridi e proteine ​​del collagene. La permeabilità del filtro glomerulare dipende essenzialmente dallo stato della membrana basale, poiché le sue aperture sono le più piccole (secondo Ruye, 50 A).
La membrana di filtrazione glomerulare è in grado di far passare quasi tutte le sostanze in un plasma sanguigno con un peso molecolare inferiore a 70.000, nonché una piccola percentuale di albumina.
In determinate condizioni, non solo l'albumina, ma anche molecole proteiche più grandi, come gli antigeni (un antigene del tifo e bacilli dissenterici, virus dell'influenza, morbillo, ecc.) Passano attraverso il filtro renale.
La filtrazione nei glomeruli avviene sotto l'influenza della pressione di filtrazione (PD).
F. D. = 75- (25 + 10) = 40 mm Hg. Art. Dove 75 mm Hg. Art. - Pressione idrostatica nei capillari glomerulari, 25 mmHg. Art. - pressione oncotica di proteine ​​del plasma; 10 mmHg Art. - pressione intrarenale. La pressione di filtrazione può variare nell'intervallo 25-50 mm Hg. Art. Circa il 20% del plasma sanguigno che scorre attraverso i capillari glomerulari viene sottoposto a filtrazione (frazione di filtrazione).

Il tasso di purificazione (clearance). Per identificare la capacità di filtrazione dei reni utilizzare la definizione del tasso di purificazione. Indicatore di pulizia o clearance (dall'inglese. Per cancellare - clear), è il volume di plasma sanguigno, che viene completamente rilasciato dai reni da questa sostanza per 1 minuto. La clearance è determinata da sostanze endogene (ad esempio, creatinina endogena) e sostanze esogene (ad esempio inulina, ecc.). Per calcolare la clearance, è necessario conoscere il contenuto della sostanza in milligrammo per cento nel sangue (K), il contenuto della sostanza in milligrammo per cento nelle urine (M) e nella minzione diuresi (D) - la quantità di urina rilasciata in 1 minuto.

La liquidazione (C) è calcolata dalla formula:

Il tasso di purificazione varia a seconda delle diverse sostanze. Ad esempio, la clearance di inulina (polisaccaride) è di 120 ml / min, urea - 70 ml / min, fenolo- no - 400 ml / min, ecc. Questa differenza è dovuta al fatto che l'inulina è derivata dalla filtrazione e non è riassorbita; l'urea viene filtrata, ma parzialmente riassorbita, e il fenoloto viene secreto dalla secrezione attiva nel tubulo e parzialmente filtrato.

Per determinare la vera capacità di filtrazione dei glomeruli, cioè la quantità di urina primaria formata in 1 minuto, è necessario utilizzare sostanze che vengono escrete solo per filtrazione e non sono soggette a riassorbimento nei tubuli. Questi includono sostanze non soglia, quali inulina e iposolfito. In un adulto, la velocità di filtrazione glomerulare (volume dell'urina primaria) è in media di 120 ml / min, cioè 150-170 litri al giorno. La caduta di questo indicatore indica una violazione della funzione di filtrazione dei reni.

L'efficacia del flusso sanguigno renale. Il coefficiente di purificazione dell'acido para-aminogramma (PAG) rende possibile determinare l'efficacia del flusso sanguigno renale. Questa sostanza entra nelle urine mediante secrezione attiva durante un singolo passaggio attraverso i capillari dei tubuli. Pertanto, il coefficiente di purificazione di PAG corrisponde al volume di plasma sanguigno che è passato in 1 minuto attraverso i vasi dei reni, ed è in media 650 ml / min. La quantità di volume del sangue, e non del plasma che passa attraverso i reni, può essere determinata eseguendo un emendamento secondo l'ematocrito (in condizioni normali, il volume di eritrociti è del 45%, plasma - 55%). Fare una proporzione, calcolare il flusso sanguigno renale.
660 ml-55% X-100% X = 1200 ml / min.
Va tenuto presente che la clearance di PAG non è sempre adeguata al flusso sanguigno renale. Il coefficiente di purificazione del PAG può cadere con il flusso sanguigno renale invariato, se i processi di secrezione sono disturbati a causa di danni significativi ai tubuli (nefrite cronica, nefrosi, ecc.).
Una diminuzione persistente dell'efficacia del flusso sanguigno renale si verifica nell'ipertensione ed è anche un segnale precoce di sviluppo dell'arteriosclerosi renale.

Violazione della filtrazione glomerulare

Filtraggio ridotto Ridurre la quantità di urina primaria formata dipende da un numero di fattori extrarenali e renali. Questi includono:

  • 1) calo della pressione sanguigna;
  • 2) restringimento dell'arteria renale e delle arteriole;
  • 3) aumento della pressione sanguigna oncotica;
  • 4) violazione del deflusso delle urine;
  • 5) riduzione del numero di glomeruli funzionanti;
  • 6) danni alla membrana del filtro.

Caduta della pressione sanguigna, per esempio, in stato di shock, insufficienza cardiaca, accompagnato da una diminuzione della pressione idrostatica nei glomeruli, che porta a una filtrazione limitata. In stato di shock, anche la componente del dolore (anuria riflessa) diventa importante.

Con scompenso cardiaco insieme con un calo della pressione sanguigna, si verifica la congestione dei reni, che porta ad un aumento della pressione intrarenale e una diminuzione della filtrazione. Tuttavia, non esiste un parallelismo completo tra la caduta della pressione arteriosa totale e il grado di riduzione della filtrazione, dal momento che l'apporto di sangue viene regolato automaticamente nei limiti noti dei reni.

Restringimento dell'arteria renale e delle arteriole (stenosi aterosclerotica) porta ad una diminuzione del flusso ematico renale e ad una diminuzione della pressione idrostatica nei glomeruli. Questa pressione può diminuire drasticamente con l'aumento del tono delle arteriole (dolore riflesso anuria, somministrazione di grandi dosi di adrenalina, ipertensione).

Il filtraggio previene un aumento della pressione sanguigna oncotica, per esempio, quando la disidratazione del corpo o l'introduzione di droghe proteiche nel sangue. La filtrazione diminuisce all'abbassarsi della pressione di filtrazione.

Disturbo del flusso di urina (stenosi ureterali o uretrali, ipertrofia prostatica, patologie renali). L'ostruzione a lungo termine del deflusso delle urine è accompagnata da un progressivo aumento della pressione intrarenale. Se la pressione intrarenale raggiunge i 40 mm Hg. Art., Il filtraggio può fermarsi, si verifica anuria, seguita dallo sviluppo di uremia.

Area di filtrazione ridotta. In un adulto, il numero di glomeruli in entrambi i reni supera i 2 milioni e la superficie di filtrazione totale dei loro cappi capillari è di 1 m 2/1 m 2 della superficie corporea. Ridurre il numero di glomeruli funzionanti (nefrite cronica, nefrosclerosi) porta a restrizioni significative sull'area di filtrazione e una diminuzione della formazione di urina primaria, che è la causa più comune di uremia. La superficie di filtrazione nei glomeruli può diminuire a causa del danneggiamento della membrana di filtrazione. Questo è facilitato da:

  • a) ispessimento della membrana dovuto alla proliferazione di cellule degli strati endoteliali ed epiteliali, ad esempio durante i processi infiammatori;
  • b) ispessimento della membrana basale dovuto alla deposizione di anticorpi anti-nidus su di essa;
  • c) germinazione della membrana filtrante per tessuto connettivo (indurimento del glomerulo).

Nella glomerulonefrite diffusa di origine allergica, la membrana basale è principalmente danneggiata a causa dell'affinità dell'antigene di membrana banale verso alcuni antigeni batterici, ad esempio, verso ceppi di streptococco nefritogenico. La fissazione selettiva degli anticorpi gamma globulina coincide con le aree di ispessimento della membrana basale. L'impregnazione della membrana basale con proteine ​​contribuisce alla depolimerizzazione della sostanza di base e ad un aumento della sua permeabilità.

Nonostante l'aumentata permeabilità della membrana glomerulare, la filtrazione non aumenta, ma diminuisce. Questo perché una parte significativa dei glomeruli nella glomerulonefrite viene disattivata anatomicamente o funzionalmente dalla superficie di filtrazione totale.

La permeabilità della membrana filtrante aumenta anche con altri processi patologici: insufficienza di rifornimento di sangue ai reni (ipertensione), iperemia congestizia dei reni (scompenso cardiaco).

Maggiore permeabilità il filtro glomerulare è accompagnato dal rilascio di grandi quantità di proteine ​​nel lume della capsula, che può essere una delle cause della proteinuria nelle malattie renali. Con danni più gravi, la membrana passa globuli rossi, si verifica ematuria.

L'aumento della filtrazione glomerulare si osserva con:

  • 1) aumentare il tono delle arteriole abducenti;
  • 2) ridurre il tono delle arteriole adduttore;
  • 3) abbassando la pressione sanguigna oncotica.

Spasmo delle arteriole uscenti e aumento della filtrazione sono stati osservati con l'introduzione di piccole dosi di adrenalina (poliuria surrenalica), all'inizio dello sviluppo della nefrite e nella fase iniziale della malattia ipertensiva.

Il tono delle arteriole adduttive può diminuire riflessivamente a causa della restrizione della circolazione del sangue nella periferia del corpo, ad esempio durante la febbre (un aumento della diuresi nella fase di aumento della temperatura).

Il rafforzamento della filtrazione, causato da un calo della pressione oncotica, si nota con l'abbondante iniezione di liquido o come risultato di assottigliamento del sangue (durante l'edema).

Disturbo da riassorbimento tubulare

Le cellule epiteliali tubulari hanno funzioni altamente specializzate, contengono vari enzimi coinvolti nel trasporto attivo di sostanze dai tubuli al sangue (riassorbimento) e dal sangue al lume tubulare (secrezione). Questi processi sono attivi con l'uso di ossigeno e la spesa di energia di fissione ATP.

I meccanismi più comuni di rottura del riassorbimento tubulare comprendono:

  • 1) sovratensione dei processi di riassorbimento e deplezione dei sistemi enzimatici a causa di un eccesso di sostanze riassorbibili nell'urina primaria;
  • 2) una diminuzione nell'attività di enzimi tubulari (un difetto ereditario di enzimi o l'azione di inibitori);
  • 3) danno ai tubuli (distrofia, necrosi, diminuzione del numero di nefroni funzionanti) in un disturbo dell'afflusso di sangue o malattia renale.

Riassorbimento del glucosio Il glucosio penetra nell'epitelio dei tubuli prossimali, subendo il processo di fosforilazione sotto l'influenza dell'enzima esochinasi. All'estremità opposta dell'epitelio adiacente ai capillari tubulari, l'enzima fosfatasi defosforila glucosio-6-fosfato e glucosio viene assorbito nel sangue.

Quando l'iperglicemia di diversa origine (diabete pancreatico, iperglicemia alimentare) molti glucosio vengono filtrati attraverso i glomeruli e i sistemi enzimatici non sono in grado di garantirne il completo riassorbimento. Il glucosio compare nelle urine, si verifica la glicosuria (Fig. 107).

Va notato che i casi molto avanzati di diabete pancreatico sono accompagnati da danno renale (glomerulonecrosi) e il processo di filtrazione è severamente limitato. In questo caso, il glucosio nelle urine potrebbe non essere rilevato, sebbene vi sia un'iperglicemia costante.

Nell'esperimento, è possibile ottenere il cosiddetto diabete renale, introducendo gli animali floridzin - glucoside, estratti dalla corteccia degli alberi da frutto. La floridzina è un inibitore del trasporto del glucosio attraverso la parete dei tubuli renali, che porta alla glicosuria. Si ritiene che la glucosuria osservata nelle donne in gravidanza sia talvolta simile nel meccanismo all'insorgenza del diabete renale di floridzina.

L'assenza congenita degli enzimi esochinasi o fosfatasi nell'epitelio tubulare si manifesta sotto forma di glucosuria renale, che è ereditata in modo predominante.

La glicosuria può essere una conseguenza del danno all'epitelio dei tubuli nelle malattie dei reni o di alcuni avvelenamenti, per esempio, lisolo, preparati di mercurio.

Riassorbimento di proteine. Nell'urina primaria contiene fino a 30 mg% di albumina e solo un giorno viene filtrata attraverso i glomeruli. 30-50 g di proteine. Nell'ultima urina la proteina è praticamente assente. In condizioni normali, la proteina viene completamente riassorbita nella sezione prossimale dei tubuli mediante micropinocitosi, sottoposta a ulteriore idrolisi enzimatica. La questione dei sistemi di trasporto delle proteine ​​nelle cellule renali non è stata ancora studiata.

L'aspetto delle proteine ​​nelle urine è chiamato proteinuria. Albuminuria più comune - escrezione urinaria di albumina. L'albuminuria temporale (proteina 0,5-1 ° / 00 nelle urine) può manifestarsi in soggetti sani dopo un intenso lavoro fisico, durante le lunghe camminate ("albuminuria marcia"). La proteinuria persistente è un segno di malattia renale o danno.

Con il meccanismo di origine convenzionalmente distinguiamo proteinuria glomerulare e tubulare (Fig. 108).

Proteinuria glomerulare si verifica a causa dell'aumento della permeabilità della membrana filtrante. La proteina che penetra nella capsula di Bowman-Shumlyansky in grandi quantità non ha il tempo di essere riassorbita nei tubuli, il che porta alla proteinuria. Il danno glomerulare (nefrite acuta) è solitamente caratterizzato da moderata proteinuria, la quantità di proteine ​​nelle urine non raggiunge numeri elevati (da 1 a 10 ° / oo). Il grado di proteinuria non riflette la gravità della malattia renale.

Proteinuria tubulare si verifica a causa di compromissione del riassorbimento proteico, che è associato a danni all'epitelio dei tubuli (necronefrosi sublime, amiloidosi, ecc.) o drenaggio linfatico alterato nei reni.

La mancanza di drenaggio linfatico porta a un ritardo della proteina nel tessuto interstiziale dei reni, e con essa l'acqua, si verifica edema del parenchima. In futuro, l'apporto di sangue al rene è compromesso, l'epitelio tubulare subisce la distrofia (nefrosi linfogena), il riassorbimento delle proteine ​​è ancora peggiore.

La più grande quantità di proteine ​​nelle urine (massiva albuminuria) appare nella cosiddetta sindrome nefrosica, quando entrambi i glomeruli e i tubuli sono coinvolti nel processo patologico.

I dati sulla secrezione di proteine ​​nelle urine in varie condizioni patologiche, secondo Klose (1960), sono riportati di seguito.

Albuminuria febbrile............................................................... 1-2 ° / oo

Glomerulonefrite cronica e rene rugoso.................. 1-2 ° / ° o

Sindrome nefrosica.......................................................................50 ° / oo e altro

Nella proteinuria renale, nelle urine sono presenti proteine ​​del siero, principalmente albumina e proteine ​​parzialmente del tessuto renale. Nei pazienti con malattia renale e presenza di proteinuria, il rapporto delle frazioni proteiche del sangue cambia (Fig. 109). Concentrazione proteica a basso peso molecolare (albumina, α1-globulina) diminuisce e con aumenti di peso molecolare elevato (α2-globulina, β-globulina); cadute dell'indice di albumina-globulina. Con la perdita di albumina, la pressione oncotica del sangue diminuisce, il che contribuisce alla comparsa di edema, che si verifica quando la concentrazione di albumina nel sangue scende al di sotto del 2,5%.

Riassorbimento di aminoacidi. Negli adulti, circa 1,1 g di aminoacidi liberi vengono escreti nelle urine. Aumentato rispetto alla normale allocazione di aminoacidi è chiamato aminoaciduria.

L'aminoaciduria si verifica quando un difetto ereditario degli enzimi che assicura l'assorbimento degli amminoacidi nei tubuli renali e nella malattia renale, accompagnato da danni all'apparato canalico. Il rilascio di aminoacidi aumenta anche con l'aumento della degradazione delle proteine ​​nel corpo, ad esempio, con grandi ustioni e alcune malattie del fegato.

La cistinuria è una enzimopatia ereditaria. In questa malattia, nelle urine, oltre a cistina, ornitina, lisina, si trova l'arginina, poiché tutti questi amminoacidi hanno un comune percorso di riassorbimento. La cistinuria negli omozigoti è accompagnata dalla formazione di calcoli di cistina nel rene, poiché la cistina è scarsamente solubile e precipita.

I casi della violazione combinata di assorbimento di amminoacidi e altre sostanze sono descritti. Ad esempio, nella galattosemia ereditaria, la galattosuria è combinata con l'aminoaciduria, poiché il galattosio-1-fosfato, che si accumula a causa del metabolismo dei carboidrati compromesso, inibisce il riassorbimento degli amminoacidi.

Il difetto misto più difficile dei sistemi enzimatici dei tubuli prossimali è la sindrome di Fanconi, quando il riassorbimento degli amminoacidi, del glucosio, dei fosfati viene disturbato e si verifica l'acidosi. La perdita di fosfati porta a cambiamenti cronici dell'osso come il rachitismo resistente al trattamento con vitamina D (diabete di fosfato). La malattia negli adulti è caratterizzata da osteomalacia e fratture ossee multiple.

Riassorbimento di sodio e cloro. Durante il giorno circa 10-15 g di cloruro di sodio vengono escreti nelle urine. Il resto viene riassorbito nel sangue. Il processo di assorbimento dei cloruri nei tubuli prossimali è determinato dal trasferimento attivo di sodio.

Il riassorbimento di sodio ridotto porta all'esaurimento delle riserve di sangue alcalino e al compromesso bilancio idrico. Per il normale assorbimento di sodio nel tubulo distale, l'ormone aldosterone, che attiva l'enzima succinato deidrogenasi, è coinvolto nel trasporto di sodio attraverso la cellula.

Se la secrezione di aldosterone è insufficiente o la sua azione è inibita sotto l'influenza di inibitori (aldoktana), il riassorbimento del sodio è ridotto.

Nei processi infiammatori cronici (pielonefrite), la sensibilità delle cellule tubule all'aldosterone diminuisce; allo stesso tempo un sacco di sale, l'acqua è persa e può verificarsi la disidratazione.

Alcuni diuretici (preparati di mercurio), bloccando i gruppi tiolici di enzimi, limitano l'assorbimento di sodio e cloro.

Insieme con la partecipazione di aldosterone nel riassorbimento del sodio, un ruolo importante appartiene ai processi di acidogenesi e ammoniogenesi. Quando questi processi sono disturbati, i reni non svolgono più una funzione fisiologica molto preziosa per mantenere costante il pH del sangue.

Acidogenesi. L'epitelio dei tubuli distali contiene l'enzima anidrasi carbonica, a cui partecipa la sintesi e la dissociazione dell'acido carbonico con la formazione di ioni H + liberi (acidogenesi).
Ammoniogenesi - la formazione nei tubuli distali di ammoniaca e ammonio. La principale fonte di ammoniaca è la glutammina, che è deamidata in presenza dell'enzima glutaminasi. Nel filtrato glomerulare, gli anioni di acidi sono associati a cationi alcalini, in particolare con cationi di sodio. Le ioni H + libere secrete nel tubulo distale spostano il sodio dai composti con acidi organici deboli e dal tampone fosfato. Gli ioni di ammonio spostano il sodio dai composti con acidi forti. Il sodio viene assorbito e la riserva alcalina di sangue viene preservata e l'urina escreta ha una reazione acida (il pH delle urine normalmente è pari a 5,5-6,5, ma può variare a seconda della natura della scrittura da 4,5 a 8,0).

In caso di violazioni del processo di acido e ammoniogenesi, si perdono grandi quantità di sodio e bicarbonati. I fosfati alcalini prevalgono nelle urine (Na2HPO4) e la sua reazione diventa alcalina. Con la perdita della metà della quantità di bicarbonato di sangue, si verificano sintomi minacciosi di acidosi.

La rottura dei processi di acidogenesi e ammoniogenesi avviene in premio

  • 1) danno significativo al tubulo distale (nefrite cronica e nefrosi);
  • 2) blocco dell'enzima anidrasi carbonica (ad esempio, nel caso di assunzione di alcuni diuretici - diacarb, ipotiazide);
  • 3) un difetto ereditario nella sintesi di enzimi che assicurano la secrezione attiva degli ioni idrogeno (questa anomalia è la causa dell'acidosi canalica, i reni non possono espellere l'urina acida e l'acidosi si verifica).

Riassorbimento dell'acqua e concentrazione renale. Da 120 ml di filtrato viene riassorbito in 1 minuto circa 119 ml di acqua (96-99%). Di questa quantità, circa l'85% dell'acqua viene assorbito nel tubulo prossimale e il cappio di Henle (riassorbimento obbligatorio), il 15% nel tubulo distale e i tubi di raccolta (riassorbimento opzionale).

Il riassorbimento obbligatorio dell'acqua può diminuire significativamente quando il glucosio o il sodio non vengono assorbiti, poiché queste sostanze, creando un'alta pressione osmotica, trascinamento di acqua e poliuria si verificano. Questo è il meccanismo della poliuria nel diabete mellito e la nomina dei diuretici, bloccando gli enzimi coinvolti nel trasporto di sodio e cloro.

Il riassorbimento opzionale di acqua è soppresso con una mancanza di ADH (ormone antidiuretico), poiché senza di esso le cellule tubule diventano impermeabili all'acqua. Eccessiva secrezione di ADH è accompagnata da oliguria a causa dell'assorbimento intensivo di acqua.

Il diabete insipido diabete si verifica come una malattia ereditaria che non è suscettibile al trattamento dell'ADH a causa della mancanza di reazione dei tubuli renali a questo ormone.

Nei reni sani avviene un intenso riassorbimento di acqua dai tubuli, grazie agli speciali meccanismi di concentrazione osmotica delle urine (sistema controcorrente). La concentrazione di sostanze nell'urina finale aumenta in modo significativo (Tabella 37).

I reni umani sono in grado di espellere l'urina 4 volte ipertonica e 6 volte ipotonica rispetto al plasma. In una persona sana, la proporzione di urina in una dieta normale non è inferiore a 1.016-1.020 e varia a seconda dell'assunzione di cibo e dell'acqua nell'intervallo di 1.002-1.035.

Viene chiamata l'incapacità dei reni di concentrare l'urina gipostenuriey. Il suo peso specifico durante l'ipostenuria non supera 1,012-1,014 e fluttua leggermente durante il giorno. L'ipostenuria in combinazione con poliuria indica danni all'apparato tubulare dei reni con una funzione relativamente adeguata dei glomeruli (stadio iniziale della nefrite cronica, pielonefrite). L'ipostenuria in combinazione con oliguria indica il coinvolgimento di un numero crescente di glomeruli nel processo patologico, risultante in una piccola quantità di urina primaria.

Un segno più formidabile è izostenuriya, quando il peso specifico dell'urina si avvicina alla gravità specifica del filtrato glomerulare (1.010) e rimane fissato a una cifra bassa in diverse porzioni giornaliere di urina (diuresi monotona). Isostenuria indica una violazione del riassorbimento tubulare di acqua e sali, la perdita della capacità dei reni di concentrarsi e diluire l'urina. Come risultato della distruzione o dell'atrofia dell'epitelio tubulare, i tubuli vengono trasformati in semplici tubi che conducono il filtrato glomerulare nella pelvi renale. La combinazione di isostenuria con oliguria è un indicatore di grave insufficienza renale.

Violazione della secrezione tubulare

Nelle malattie dei reni, i processi di secrezione nei tubuli sono disturbati e tutte le sostanze secrete dalla secrezione si accumulano nel sangue. In particolare, questo si applica alla penicillina e ad altri antibiotici, agli agenti di contrasto contenenti di iodio (diodrast), al potassio, ai fosfati, ecc.

Un ritardo nel sangue della penicillina e dei suoi prodotti di trasformazione può avere un effetto tossico sul corpo. Pertanto, per la malattia renale, dovrebbe essere usato con cautela, come alcuni altri antibiotici.

La secrezione di acido para-aminogippurico è inibita dal dinitrofenolo, un inibitore di enzimi coinvolti nel processo di fosforilazione ossidativa.

I disturbi della secrezione di acido urico si verificano come difetto ereditario. L'accumulo di acido urico e sali urici nel sangue porta allo sviluppo della cosiddetta gotta renale. Aumentata secrezione di potassio si osserva con un eccesso di ormone aldosterone e con l'uso di diuretici, inibitori dell'enzima anidrasi carbonica, contenuti nell'epitelio dei tubuli. La perdita di potassio (diabete di potassio) provoca ipopotassiemia e gravi disturbi della funzione.

L'eccesso di ormone paratiroideo contribuisce alla secrezione intensiva e alla perdita di fosfato (diabete di fosfato), ci sono cambiamenti nel sistema scheletrico, l'equilibrio acido-base nel corpo è disturbato.

Componenti patologici di urina per malattie renali

I costituenti patologici delle urine includono elementi che non si trovano nelle urine di persone sane, così come sostanze la cui quantità supera la norma. Tuttavia, non tutti i cambiamenti nella composizione delle urine indicano danni ai reni. Ad esempio, la bilirubina nelle urine appare in ittero epatico, acetone e zucchero nel diabete.

I seguenti sintomi sono più comuni per la malattia renale;

  • 1) ematuria - apparizione nell'urina di erythrocytes, per esempio, in nephritis affilato. Normalmente, i globuli rossi sono assenti o sono rari nel campo visivo. Nella nefrite acuta, la permeabilità glomerulare aumenta a causa dello sviluppo del processo infiammatorio in essi. I globuli rossi entrano nella capsula di Bowman-Shumlyansky, e poi sono espulsi nell'urina, che acquisisce una caratteristica tonalità rossastra. Va tenuto presente che i globuli rossi possono entrare nelle urine dagli ureteri (ferita da una pietra che passa) o dalla vescica;
  • 2) proteinuria - escrezione di proteine ​​urinarie. Negli individui sani, le proteine ​​nelle urine sono praticamente assenti. La proteinuria renale si verifica a seguito di danno o glomeruli quando aumenta la permeabilità alle proteine ​​o ai tubuli, quando il riassorbimento delle proteine ​​dall'urina primaria è compromesso. La proteinuria può verificarsi anche in determinate condizioni fisiologiche, ad esempio nei neonati nei primi giorni di vita o negli adulti con intenso lavoro fisico;
  • 3) Piura - Selezione di urina torbida miscelata con pus e leucociti. Normalmente, i leucociti nelle urine sono assenti o si verificano non più di 1-3 in vista. La piuria è caratteristica del processo infiammatorio purulento nella pelvi renale (pielonefrite);
  • 4) cilindruria - aspetto nelle urine di vari tipi di cilindri. Ad esempio, i cilindri ialini derivano dalla coagulazione delle proteine ​​nel lume dei tubuli durante i processi infiammatori e distrofici. I cilindri epiteliali e granulari sono costituiti da cellule epiteliali tubulari rinate;
  • 5) precipitazione salina sotto forma di urati, ossalati e fosfati compaiono nei calcoli renali.

Malattia renale

La malattia renale è uno dei tipi di ridotta escrezione di sali da parte dei reni. La causa di questa malattia non è ben compresa. Numerosi fattori contribuiscono alla formazione di calcoli nei reni: metabolismo minerale alterato, infezione del tratto urinario, stasi urinaria, danno renale, mancanza di cibo nelle vitamine A e D, difetti metabolici ereditari (ossalosi).

Le pietre sono costituite da fosfati (sali di calcio dell'acido fosforico), ossalati (sali di calcio dell'acido ossalico), urati (sali dell'acido urico) e possono avere una composizione mista. Ci sono pietre di cistina con malattia ereditaria (cistinuria), pietre sulfuree con un'aumentata concentrazione di droghe sulfa nelle urine, calcoli di xantina.

su teoria della cristallizzazione, le pietre si formano a causa di un eccesso di urina con cristalloidi e la loro precipitazione.

Secondo teoria delle matrici, i sali sono stratificati attorno a un'impalcatura costituita da proteine ​​e carboidrati (un complesso di mucopolisaccaridi insolubile). Le proteine ​​plasmatiche che penetrano intensamente nella capsula con aumentata permeabilità glomerulare e uromucoioso secreto dall'epitelio tubulo a causa della loro irritazione sono coinvolte nella sua formazione. La matrice organica è formata principalmente nei tubuli in almeno il 95% delle pietre. La crescita delle pietre avviene attraverso la deposizione di strati concentrici alternati di mucopolisaccaridi e cristalloidi su di esso.

I calcoli renali e i sedimenti nelle urine sono di varie forme e di dimensioni variabili. Si trovano sotto forma di piccoli granelli di sabbia o grandi formazioni che riempiono la cavità del bacino.